Croazia - Dalmazia centrale

Dalmazia Centrale
Isola di Hvar (Lesina)


Dov'è?

Immagine

Qualche notizia:
Chiamata la "Madeira dell'Adriatico" per il suo clima mite rispetto a quello della costa, inondata dal profumo della lavanda, l'isola di Hvar è forse una delle più belle fra quelle della Dalmazia. Lunga quasi 70 km, percorsa per tutta la sua lunghezza da alte e scoscese colline calcaree, presenta coste frastagliate a settentrione, desertiche a meridione. Frequenta già dalla metà dell'Ottocento, è oggi una delle principali mete turistiche della Croazia, affollata particolarmente nei mesi di luglio ed agosto, nonchè dotata di strutture ricettive di gran lunga superiori rispetto a quelle delle isole vicine. Il turismo è quindi oggi la principale attività degli abitanti, avendo superato la pesca, la viticoltura e l'allevamento ovino.
Centri principali:
Hvar città: Veneziana nell'aspetto, dalmata nel carattere, Hvar città è un gioiello medievale inserito in un superbo contesto naturale. L'abitato, ancora cinto da mura merlate e turrite, è dominato dalla fortezza spagnola e dal forte Napoleone, alti sul mare, ed ospita importanti monumenti, quali l'arsenale, la loggia comunale, la cattedrale di Sv.Stjepan e il monastero francescano.
Jelsa: dotata di un nucleo storico d'impronta rinascimentale, Jelsa è destinazione turistica favorita dalle famiglie per le sue spiagge; meno bella di Stari Grad, Hvar città e Vrboska, offre dalle alture che la circondano belle viste sulla costa dalmata.
Sucuraj: l'italiana San Giorgio è poco più di un piccolo porto lontano dagli altri centri dell'isola, dato che è sulla sua punta orientale; è dominata da una fortezza veneziana del XVII secolo.
Stari Grad: nota in italiano come Cittàvecchia, Stari Grad è il centro più grande dell'isola e, pur avendo un aspetto medievale molto simile a quello di Hvar città, con importanti vestigia del passato, ha una vocazione turistica meno marcata, più adatta alle famiglie ed a chi preferisce la sera una cena in una delle molte taverne che circondano l'antico porto ed una passeggiata tra le bancarelle all'animazione cosmopolita della sua "rivale".
Vrboska: borgo peschereccio sulle due rive di una stretta insenatura, l'italiana Verbosca accoglie il visitatore con un bel centro storico, pieno di interessanti ed antiche chiese. Ospita inoltre la marina meglio attrezzata dell'isola.

Immagine

Immagine

immagine satellitare

Come arrivare - trasporti interni:

Si può forse dire che l'isola di Hvar è meglio collegata all'Italia che alla Croazia continentale. Infatti il porto nuovo di Stari Grad, sito a qualche km dall'omonima cittadina e che da qualche tempo è diventato il principale scalo marittimo dell'isola, è collegato da giugno a settembre a Pescara sia dai traghetti della Jadrolinija, che da catamarani ad alta velocità (con trasporto auto) della SNAV: un servizio veramente comodo ed efficiente quest'ultimo (anche se certamente più costoso rispetto ai tradizionali traghetti). La Blue Line Ferries invece collega sempre lo scalo di Stari Grad con Ancona. Quanto ai collegamenti nazionali, il "postale costiero" della Jadrolinija, che origina a Rijeka e termina a Dubrovnik, ferma anch'esso a Stari Grad dopo la sua sosta a Spalato. Se invece si vuole raggiungere direttamente il porto di Hvar città, sempre la Jadrolinija opera la mattina presto un servizio (senza trasporto auto) da Spalato in prosecuzione poi per Vela Luka, sull'isola di Korcula, ed Ubli, porto dell'isola di Lastovo. Hvar città è collegata anche a Vis con aliscafo (servizio operato anche dalla SEM). Un altro aliscafo raggiunge da Jelsa la nota località di Bol, sull'isola di Brac. Per informazioni: Jadrolinija (cliccare sulla regione Split 1). Sull'isola di fatto esiste un'unica strada principale, molto buona nel tratto da Hvar città a Jelsa, assai stretta e tortuosa invece nella sua lunga prosecuzione verso Sucuraj, cittadina sita all'estremità orientale dell'isola e collegata a Drvenik, porto sulla Magistrala. Per informazioni: Jadrolinija (cliccare però sulla regione Split 2).

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

Naturismo:

:arrow: I riferimenti sono sulla mappa in alto.

Isole Pakleni - rif.1
Le meravigliose, soleggiate e ventosissime isole Pakleni si trovano proprio di fronte alla baia di Hvar città: sono un gruppetto di isolette (alcune veramente piccole, altre grandi talmente da poter ospitare degli insediamenti abitati) prevalentemente rocciose, ma per la gran parte coperte anche da pinete e macchia mediterranea. L'acqua, cristallina, è splendida, calette ed insenature si ripetono senza soluzione di continuità, diverse anche le spiagge (di ghiaia) - qualcuna delle quali attrezzata. Le due a maggiore vocazione naturista - ma purtroppo ormai da diversi anni non più esclusivamente naturiste - sono Jerolim e Marinkovac (nota anche come Stipanska dal nome della sua spiaggia principale), entrambe raggiungibili con motobarche dal porto di Hvar città (attenzione: le ultime "corse" generalmente partono attorno alle 18. Informatevi presso il barcaiolo per il ritorno, dato che non è possibile trattenersi dopo quest'ora su queste isole, dato che il campeggio è vietato). A Jerolim la zona maggiormente frequentata dai naturisti è quella di fronte lo scoglio con il faro (quindi a sinistra dell’imbarco) e di fronte a Marinkovac (quindi a destra), nonché la poco ospitale zona verso il mare aperto (quella senza vegetazione sempre battuta dal vento a circa 15/20 minuti di sentiero dall'imbarco). Su Marinkovac i naturisti tendono a concentrarsi più sugli scogli che nella spiaggia. Ormai non sono molti i naturisti sul resto delle Pakleni, a partire da Sv.Klement e Palmizana. Su tutte le isole esistono degli snack bar, oltre ad alcuni ristoranti (generalmente abbastanza cari e molto affollati).

Immagine

Glavica & Zecevo - rif.2
La penisola di Glavica è oltre Jerolim l’unica altra zona ufficialmente riconosciuta come FKK sull’isola, specialmente per la presenza dell’autocamp Fkk Nudist (ben segnalato - noto anche più semplicemente come "Vrboska" - info: clicca qui). L’area naturista comprende sia ovviamente il campeggio, che la zona a mare antistante che le calette a sinistra di esso, che sono comodamente raggiungibili dalla strada che porta da Vrboska al camping (si può altresì tranquillamente parcheggiare nelle piazzole fra i pini a sinistra della strada). Il Nudist è molto panoramico (vista verso Brac), ombreggiato ma altresì assai spartano nelle dotazioni: pochi blocchi di servizi (promiscui; porte solo per i wc), un minimini market, una decina di tavoli sotto una tettoia con una cucina semi da campo che serve piatti elementari e poco altro. La zona a mare antistante è molto comoda, ma molto esposta al sole (impossibile stare senza telo o ombrellone) e molto ventilata il pomeriggio. Dato che si crea un po’ di risacca meglio andare a fare il bagno nelle calette a sinistra. A destra, lungo il resto della Penisola, c’è la zona tessile, che è separata dal camping da un muro piuttosto alto. Quanto all’isoletta di fronte la Penisola, che si chiama Zecevo, si può raggiungere con taxi boat da Jelsa e da Vrboska (ma non da Glavica!) ed offre calette ed un po’ di ombra in più. Purtroppo l’isoletta è frequente meta di quei battelli che fanno il giro turistico dell’isola o fanno la spola tra Jelsa, Vrboska e Bol e quindi in coincidenza con il loro arrivo l’isoletta di riempie di tessili.

Immagine

Milna - rif.3
Piccolo villaggio sulla costa meridionale dell'isola, a circa 5 km da Hvar città. E' una popolare meta di escursioni, grazie alle sue spiaggette di ghiaia, alle insenature rocciose e ad i numerosi ristoranti. Si può raggiungere Milna sia a piedi da Hvar città per il sentiero costiero: viste spettacolari, però passeggiata un po' faticosa; con il bus o l'auto - che percorrono la nuova statale; con una motobarca dal porto di Hvar città (informatevi sugli orari di partenza e ritorno). I naturisti si concentrano nella zona oltre il campeggio (quindi a destra del parcheggio) e nelle calette oltre i ristoranti (a sinistra).

Zavala & Rudina (Penisola di Kabal) - rif.4
Anche se non si tratta di una zona indicata come ufficialmente FKK, quella di Zavala, che si stende oltre Stari Grad, superando il complesso alberghiero Helios/Lavanda/Arkada, e procedendo su di un sentiero che man mano che avanza si fa più difficoltoso, può essere una buona alternativa a Glavica o a Jerolim per chi è di base a Stari Grad. Basta prendere (a piedi) la via che conduce all’Helios e di lì proseguire. Le calette frequentate da naturisti cominciano circa 1 km dopo gli alberghi (ottima una a scendere, molto ampia, che si apre proprio di fronte al nuovo porto – no problem, l’acqua è pulitissima - e che è frequentata da famiglie e coppie di mezza età che alloggiano negli alberghi) e proseguono fin verso la punta ed oltre. Eventualmente, per chi ha buone gambe, si può raggiungere a piedi anche la profonda insenatura che sorge più avanti a valle del villaggio di Rudina, che è ancora più tranquilla, ha una discreta frequentazione naturista e con l’auto può essere raggiunta da Stari Grad seguendo le indicazioni per Rudina (strada a salire diritto oltre il market Kerum ed il campo sportivo, poi al monumento ai caduti a sinistra; parcheggiare all’altezza del traliccio; poi scendere: la zona a sinistra è più ombreggiata). In entrambi i casi due buone zone, dove sostanzialmente vige la regola che chi prima arriva decide se trattasi di calette naturiste o no.

Immagine

Sucuraj - rif.5
A 4 km dal villaggio di Sucuraj, che si trova all'estremità orientale dell'isola, c'è una piccola baia chiamata Mlaska, divisa in due insenature, di cui la più piccola, Mala Mlaska, è prevalentemente naturista e serve per il vicino campeggio Mlaska, che ha una sezione naturista, più piccola di quella tessile, ma comunque dotata dei servizi essenziali. Info: clicca qui.

Immagine

Costa meridionale - rif.6
Lungo la sponda meridionale dell’isola (tra Sv.Nedjelja e Zavala) ci sono altre possibilità, specialmente in bassa stagione. Chi ha l’auto può da Jelsa prendere per Pitve ed oltre lo strettissimo tunnel raggiungere l’incantevole (per mare non ha eguali, e per panorama: Scedro, Korcula, la penisola di Peljesac) costa. Qui ci sono numerose possibilità di trovare delle calette dove praticare naturismo. A Zavala basta scendere al villaggio e procedere ai margini di esso; lo stesso all’altezza di Ivan Dolac; quanto a Sv.Nedjelja è consigliabile parcheggiare a sinistra della strada (indicazione Parking-Fast Food), quindi proseguire a sinistra in direzione opposta rispetto al porticciolo. Si troverà prima una spiaggetta ma è tessile, poi il sentiero si fa piuttosto impervio (attenzione: a tratti è pericoloso!), si supera un'altra baracchetta ed, infine, si giunge ad una caletta chiusa da un piccolo molo artificiale, veramente isolata dal resto del mondo, dove c’è un centro informale di climbing e speed diving. L’acqua è da incanto, ci si può mettere tranquillamente nudi (anche se i nudisti non sono la maggioranza), ambiente giovane e, soprattutto, si può restare affascinati dalle performances dei climbers (prevalentemente tedeschi).

Links:
Info turistiche
Hvar città
Jelsa
Stari Grad
Sucuraj
Vrboska

Immagine
©2008 Diritti riservati - Vietata la pubblicazione e la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale
Immagini satellitari courtesy Google Earth

 

Dalmazia centrale
Isola di Vis (Lissa)

Dov’è?

Immagine

Qualche notizia:
Isola dalle acque cristalline (dove spesso è facile avvistare delfini e foche) con un ricco mondo sommerso pieno di interessanti relitti navali rimasti nascosti per anni in quanto chiusa al turismo fino agli anni '80 perchè zona militare, Vis e' la piu' lontana dalla costa delle grandi isole della Dalmazia Centrale. Si trova infatti a 45 km dalla terraferma ed è divisa da un canale - largo 8 km - dall'isola di Hvar. La superficie è di 90.3 kmq e la superficie dell'intero arcipelago (che comprende le isolette di Palagruza, Biševo - famosa per la sua grotta blu, Sv.Andrija, Budihova, Jabuka, Brusnik) e' di circa 103 kmq. La lunghezza della costa è di circa 77km. Il suo clima è tipicamente mediterraneo con estati calde ed asciutte ed inverni miti ed umidi. la temperatura media annuale e' di 16°C. La media delle precipitazioni e' di circa 800mm/m2, leggermente inferiore rispetto alle isole vicine ed alla terra ferma. A causa della sua struttura geologica, l'isola possiede molte piu' sorgenti d'acqua fresca delle isole vicine.
Centri principali:
Vis con il suo porto si trova sulla costa nord est dell'isola. Le sue risorse arrivano dalle aziende agricole, vinicoltura, pesca e dal turismo. La città ospita il porto per i traghetti di collegamento con Spalato che occupa una profonda baia, la cui parte est finisce con ampie spiagge ghiaiose (Gusarica, Nova Posta, Velo Zalo);
Komiza sulla costa ovest offre ai visitatori molti luoghi culturali e storici ed è in una bella e pittoresca posizione. E' famosa per il pesce servito fresco quotidianamente.

Immagine


Immagine

immagine satellitare

Come arrivare - trasporti interni:
Vis è collegata a Spalato da un servizio regolare di traghetti della Jadrolinija (cliccare sulla regione Split 1), spesso con sosta a Brac o a Stari Grad (sull'isola di Hvar). Alcuni aliscafi della SEM assicurano un servizio più veloce sempre da Spalato via Hvar città. In estate la Blue Line Ferries collega Vis direttamente ad Ancona. Poche le strade - e spesso non in buone condizioni - presenti sull'isola.

ImmagineImmagineImmagine

Naturismo:
La costa di Vis presenta numerose insenature, dove è possibile godere di un ambiente totalmente isolato e selvaggio e quindi praticare naturismo in completa libertà.
Komiza:
La spiaggia naturista di Komiza si trova ad due passi dall'hotel "Biševo", nella citta di Komiza, nell'isola di Vis. La spiaggia naturista si trova a sud della città.

Immagine

Ruda:
La spiaggia di Ruda si trova vicino al villaggio di Rukavac, a sud est dell'isola in cui si trovano le piu' belle spiagge, qui si puo' trovare un natura incontaminata e la famosa caverna verde. Questa e' una spiaggia di rocce e sassi clothing optional particolarmente frequentata da coppie e famiglie naturiste.

Immagine

Spiagge nelle isole dell'arcipelago di Vis:
L'arcipelago di Vis include anche le isole di Svetac (Sveti Andrija), Jabuka, Brusnik e Palagruza, ma soprattutto l'isola di Bisevo dove si trovano alcune grotte marine tra cui la più famosa è Modra Spilja (la caverna blu). Intorno a mezzogiorno, quando il mare e' calmo, i raggi solari che penetrano attraverso l'apertura subacquea nella caverna blu, riflettendo sul fondo bianco tingono la caverna di azzurro e d'argento. La caverna e' accessibile dal 1884 e solamente dal mare. L'isola di Bisevo è raggiungibile grazie a quotidiane escursioni organizzate da Komiza e Vis ma anche dalle isole vicine ed offre anch'essa possibilità per praticare naturismo in totale tranquillità.

Immagine

Links:
Info turistiche
Info generali

Immagine
©2008 Diritti riservati - Vietata la pubblicazione e la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale; foto satellitare courtesy Google Earth.
Non si assume alcuna responsabilità per danni eventualmente riportati in seguito alle informazioni qui presenti

 

Dov'è?

Immagine

Qualche notizia:
Brač è per superficie la terza isola dell'Adriatico e tra le più grandi è quella più vicina a Spalato, per cui in alta stagione può talvolta risultare un po' affollata. Il villaggio di Bol, sulla costa meridionale, con la sua splendida spiaggia, costituisce la principale attrazione turistica, benchè le spiagge di Supetar sulla costa settentrionale, dove arrivano i traghetti da Spalato, non siano certo da meno. Dal canto suo la bellezza selvaggia dell'interno possiede un fascino indiscutibile: gli altopiani carsici ricoperti di arbusti sono interrotti da fertili avvallamenti con ulivi, vigne ed aranceti, o dai grandi muretti di pietre calcaree accatastate caratteristici delle isole dalmate, costruiti attraverso i secoli dai contadini per liberare il terreno destinato alla coltivazione. Brač è famosa per il suo marmo bianco, con cui sono stati costruiti tra il altri il Reichstag di Berlino, la Casa Bianca di Washington e, naturalmente, il Palazzo di Diocleziano a Spalato.
Centri principali:
Supetar; Sutivan; Milna; Skrip; Bol; Pučisca; Nerezise.

Immagine

Immagine satellitare

Come arrivare:
Brač è servita da più traghetti al giorno in partenza da Spalato per Supetar (Jadrolinija), mentre aliscafi e catamarani collegano Spalato sia a Bol che a Milna (società SEM), sul lato occidentale dell'isola, spesso in prosecuzione poi per l'isola di Hvar. C'è anche un traghetto da Makarska che arriva a Sumartin all'estremità orientale di Brač. Supetar è anche il nodo principale della rete di autobus che collegano la gran parte dell'isola, comprese le località di Bol, Pučisca, Milna e Sumartin. C'è anche un piccolo aeroporto collegato a Zagabria almeno una volta al giorno durante l'estate.

ImmagineImmagineImmagineImmagine

ImmagineImmagineImmagineImmagine

Naturismo:

Immagine

n.b.: la localizzazione delle spiagge naturiste sulla mappa è orientativa

1. Bol - Fkk Paklina:
Sulla costa meridionale dell'isola, nei pressi del villaggio di Bol, c'è la famosa spiaggia di sabbia "Zlatni Rat" (o del Corno d'Oro). Nelle vicinanze, specialmente verso ovest, ci sono moltissime calette ed insenature dove la pratica naturista è assai consolidata. L'unica spiaggia riconosciuta come FKK è quella di Paklina. E' sita all'estremità occidentale della Zlatni Rat. Bevande e snack possono essere acquistati sulla spiaggia tessile, a circa 200 metri di distanza. Sia la spiaggia tessile che quella naturista sono assai frequentate in alta stagione. Se desiderate trovare dei posti più riparati ed isolati camminate lungo la costa verso ovest, dove per l'appunto troverete delle piccole insenature nonché degli scogli assai meno frequentati dove il naturismo è diffuso

Immagine

Immagine

immagine satellitare della spiaggia e delle calette adiacenti

2. Mutnik:
Oltre Supetar, verso Sutivan, sulla sponda settentrionale dell'isola, ci sono moltissime calette ed insenature poco frequentate dove praticare il naturismo. Una delle migliori,esclusivamente riservata al nudismo, è una caletta seminascosta non lontana dal piccolo villaggio di Mirca, chiamata Mutnik. E' facilmente raggiungibile con l'auto.

3. Punta:
Spiaggia rocciosa, a circa 15 minuti di cammino da Supetar. La zona naturista è sita circa 1 km e 400 metri ad ovest della baia di Vela Luka e della piccola penisola occupata dal complesso turistico Piva nonché dall'Hotel Palma (praticamente 600 m dal centro di Supetar). C'è un cammino pedonale che conduce direttamente alla spiaggia naturista. La spiaggia è circondata da pinete, è molto bella e silenziosa.

4. Altre zone:
Sia nel tratto di litorale tra Postira e Pucisca, che attorno a Sumartin, c'è un'ampia disponibilità di calette, insenature o tratti di scogli abbastanza isolati dove si può prendere il sole nudi.

Links:

In generale:
Supetar; Bol; Sutivan; Foto dell'isola; Naturismo
Camere e appartamenti:
Brac Tours; Bol Tours; Adriabol
Servizi turistici specializzati:
Windsuf; Immersioni

Immagine
©2008 Diritti riservati - Vietata la pubblicazione e la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale. Immagine satellitare courtesy Google Earth